sabato 13 Luglio, 2024 - 14:35:34

MPowHer Festival permanente di Empowerment Femminile

Creare conoscenza, consapevolezza, condivisione e partecipazione sui percorsi di empowerment femminile.

MPowHer è un festival permanente che si aprirà a Taranto a partire da giugno 2023. Ideato e promosso da ELLA APS, intende costruire un percorso, creare occasioni e luoghi per fare partecipare le donne ad una conversazione sul mondo del lavoro visto ‘al femminile’. Partendo dalla partecipazione congiunta fra gruppi di giovani ragazze e donne affermate ci si prefigge di costruire una narrazione positiva e concreta sulla figura femminile ed al tempo stesso proporre modelli che possano essere di ispirazione per le ‘giovani donne’ nella costruzione dell’identità e della carriera lavorativa lontani dai più comuni stereotipi.

Nato dalla volontà di ELLA APS, associazione ionica attiva sui temi della sostenibilità e della rigenerazione urbana, sociale e culturale, il progetto MPowHer è risultato vincitore del bando “Puglia Capitale Sociale 3.0” approvato con A.D. n. 5 del 19 Ottobre 2021 ed è sostenuto da un partenariato di soggetti collaboratori: Comune di Taranto, Confindustria Taranto, IISS Archimede, IISS Righi, Circolo Legambiente Manduria, Aps Puglia in Itinere.

MPowHer nasce per discutere di empowerment e leadership al femminile e dello sviluppo del mondo del lavoro visto con gli occhi delle donne e per attrarre le imprese e le giovani generazioni ad una riflessione condivisa che sia azione di crescita. Attraverso questo Festival si intende mettere l’accento sulla governance al femminile dei territori, delle imprese, della società e sulla capacità di gestione delle donne, partendo dalle figure femminili nella storia, nelle arti, nelle scienze, nell’imprenditoria e nella società per arrivare a quelle della nostra contemporaneità. Inoltre si vogliono condividere buone pratiche per l’emancipazione economica delle donne e immaginare e creare nuovi modelli femminili, proponendo spunti di riflessione a chi desidera crescere in ambito professionale e ponendo particolare attenzione alla qualità della leadership femminile come aspetto necessario a innescare un cambiamento per superare il divario di genere. Si vuole dunque avviare un dibattito all’interno della comunità e della città di Taranto e della sua provincia, per prendere coscienza delle difficoltà ancora esistenti per l’affermazione di una reale eguaglianza.

Il progetto opera nelle seguenti aree: sostegno alle attività di accompagnamento al lavoro di fasce deboli della popolazione; prevenzione e contrasto delle forme di violenza, discriminazione e intolleranza, con particolare riferimento a quella nei confronti di soggetti vulnerabili; sviluppo delle reti associative del Terzo Settore e rafforzamento della loro capacity building. La strategia di intervento si basa su una metodologia partecipativa e inclusiva volta a costruire un processo integrato per la condivisione di conoscenze e competenze specifiche. Grazie alla collaborazione con i partner di progetto sarà messo a disposizione uno strumento educativo per le scuole; sarà costituita una rete sociale e imprenditoriale fertile e attiva di donne imprenditrici e professioniste di vari settori; sarà creato un luogo partecipativo e fattivo di confronto e di scambio di idee dalle quali possano scaturire progetti per il territorio.

Il progetto prevede tre macro attività: si partirà con delle azioni per la partecipazione attraverso una serie di incontri itineranti finalizzati a creare l’humus per il coinvolgimento attivo dei partecipanti, in questa fase si raccoglieranno storie di donne con l’obiettivo di creare connessioni e gruppi. Questa fase è propedeutica alla seconda in cui si svilupperanno i laboratori, nello specifico saranno realizzati 6 laboratori che approfondiranno i seguenti temi: Arte, Comunicazione, Design; Inclusione sociale; Scienza e tecnologia; Ambiente e sostenibilità; Rigenerazione Territoriale Architettura; Innovazione. Ogni laboratorio prevede una parte di project work operativo al fine di accelerare la crescita sostenibile, lo sviluppo sociale e la nuova imprenditorialità, dove le imprese, le associazioni e la comunità sperimentano soluzioni innovative. La fase conclusiva sarà costituita da panel che vedranno il racconto di donne che lavorano in diversi campi e ambiti con casi di successo internazionale, e sarà un momento di riflessione e networking pubblico che accenderà i riflettori sui temi della leadership e dell’empowerment e dello sviluppo del mondo del lavoro. Dichiara Gemma Lanzo (Presidente ELLA): “L’obiettivo 5 dell’Agenda 2030 ci invita a raggiungere l’uguaglianza di genere e l’autodeterminazione di tutte le donne e ragazze. Anche noi di Ella abbiamo voluto dare il nostro contributo, affrontando, con MPowHer, i temi a noi cari, ovvero quelli della rigenerazione urbana, sociale e culturale ai quali da anni ci dedichiamo con passione, sviluppando progetti su Taranto e non solo. Ognuna di noi ha background differenti che vanno dal cinema all’architettura, dall’innovazione, alla scienza e all’arte. Abbiamo voluto applicare questo nostro approccio transdisciplinare anche a questo nuovo progetto che ci auguriamo possa crescere divenendo un appuntamento stabile e un punto di riferimento per il Sud Italia”. Maria Distratis (Vice Presidente Ella) continua dicendo: “Con il progetto MPowHer intendiamo favorire processi di condivisione di esperienze fra donne provenienti da mondi diversi e far si che le competenze e le abilità personali che sono alla base delle esperienze di successo possano essere trasferite, ma soprattutto fare in modo che dagli insuccessi si avviino percorsi di apprendimento e di cambiamento”.

Salvatore Toma, Presidente di Confindustria Taranto, dichiara: “Come Confindustria, accogliamo questa iniziativa con estremo favore e ovviamente la osserviamo dal punto di vista imprenditoriale. L’applicazione della legge Golfo-Mosca ha prodotto sicuramente un incremento della quota delle donne negli organi di amministrazione delle società quotate, che è passata dal 7,4% del 2011 al 36,5% del 2019. Tuttavia, è importante accelerare un processo di transizione culturale che in altri Paesi europei è già evidente. Diversi studi documentano che le aziende con leadership femminile hanno una maggiore possibilità di sopravvivenza rispetto a società simili gestite da leader uomini, registrano al loro interno una maggiore propensione al lavoro di squadra e di conseguenza rafforzano il loro team. In tutti i casi, il lavoro femminile va valorizzato in ogni ambito per l’impatto significativo che ha sullo sviluppo e sulla crescita di ogni territorio e per far sì che una società si possa dire davvero dinamica e inclusiva”. Il Sindaco di Taranto Rinaldo Melucci sottolinea: “L’amministrazione crede fermamente nel valore della leadership al femminile, tanto da aver affidato a diverse donne ruoli di assoluta responsabilità. Ma non lo ha fatto per banale accondiscendenza al sistema delle “quote rosa”, lo ha fatto perché consapevole di quanto impegno, di quante competenze e di quanta passione sappiano esprimere le donne, soprattutto nella gestione di organizzazioni complesse. Ecco perché sosteniamo favorevolmente questo progetto, perché punta proprio a valorizzare questo approccio, mandando in soffitta una narrazione che per troppo tempo non è stata appannaggio delle sue protagoniste”.

Il progetto si avvale della collaborazione del Comune di Taranto.

Pagine ufficiali social del progetto

https://www.facebook.com/FestivalMPowHe

Facebook Comments Box
Per restare aggiornato con le ultime news seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook e iscriviti al nostro canale YouTube.  

Per scriverci e segnalarci un evento contattaci! 

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.