lunedì 14 Ottobre, 2019 - 14:55:26
Home > Cultura e Eventi > Cultura > Pino Daniele nelle malinconie sconfinate degli orizzonti del Sud

Pino Daniele nelle malinconie sconfinate degli orizzonti del Sud

pino danieleGià, Pino Daniele ha preso il largo tra gli orizzonti degli sconfinati attraversamenti. Come un cielo lacerato nelle nostalgie del Sud che ha la musica come anima e tempo. Non c’è più un altro amico sincero. Un altro amico con il quale raccontavamo pezzi di Mediterraneo.
Una malinconia tutta mediterranea nell’incastro dei suoni che richiamano echi che sembrano giungere da mari distanti o dai confini dai vicoli che intonano voci. Le voci di una Napoli che non è soltanto una città o un luogo tra gli intagli di tradizioni. Ma un essere, e da questo essere parola e suono si sprigiona una musica che è blues, ma è sostanzialmente una parola che recupera tutto il tempo dell’ascolto.

Una mediterranea malinconia quella di Pino Daniele. Una generazione che si è spezzata in quella archeologia dei linguaggi che riporta tocchi di una radicata cultura popolare. Una cultura che ha ritmi di paesi e popoli, di civiltà e tradizioni, di scavi e di elementi che hanno una magia che è lettura popolare, certamente, come ho già detto, ma hanno bassi e alti, nostalgie e acuti che restano come modelli di un archetipo che è un luogo chiaramente, ma è soprattutto un essere. Ovvero  un etnos che si dilata lungo il viaggio di una città metafisica.

Questo mediterraneo diffuso, in fondo, ha la voce calda del tempo nel graffio della memoria.
Pino Daniele è stato un costruttore di immagini che non si vedono soltanto, ma si sentono, si avvertono, si dilatano nel circuito breve e/o lungo di una vita vissuta per essere raccontata come mosaico di tradizione.

Quella sua voce aveva qualcosa di labirintico. Le parole una calda frustata del vento dei mari e dei deserti. Frustate di caldo in un Sud immaginario reale immenso straordinario spericolato vero. Una voce.  E non per cantate soltanto, ma per narrare una Fabula nell’antico e nel moderno della sensualità onirica. Un luogo è un posto dove fermarsi per abitarlo o dove potersi abitare.

Pino Daniele ha abitato il luogo dell’anima che è l’anima di un mediterraneo diffuso dentro una città. Una città? Un cuore pulsante tra le emozioni e le sensazioni. Già un “cuore”! Attraverso la parola e i suoni ha raccontato l’insieme di etnie diffuse in una civiltà di miti simboli leggende amori mediterranei.
Quei suoni restano spazio – parola. Una dimensione che ha segnato la misura della memoria. Proprio da questo punto di vista la lettura è antropologica. Antropologia che è sostanza di un tempo indecifrabile e indefinibile. Ma la sua esistenza musicale è stata sempre un cercare. Oltre i luoghi vissuti e passati. Oltre l’essere nel presente con un canto che resta come un costante cantico.

Pierfranco Bruni

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Racconto Eduardo de Filippo. Un personaggio inquieto della vita in teatro a 35 anni dalla morte e verso i 120 anni dalla nascita

“Voi sapete che io ho la nomina (non di senatore, per carità) che sono un …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.