martedì 11 Maggio, 2021 - 5:06:02

Sabato Santo: A Mottola processione all’alba

Sabato Santo: A Mottola processione all’alba
Pasqua: sabato santo, a Mottola (Taranto) processione all’alba

Ci sarà anche il vescovo: monsignor Claudio Maniago annuncia infatti la sua partecipazione alla processione del Sabato Santo di Mottola. «Siamo molto emozionati- commenta il priore della Confraternita del Carmine Vito Greco- e felici di avere con noi il vescovo della diocesi di Castellaneta, sempre vicino alle nostre iniziative. Un segno di attenzione forte per questi Riti in continua crescita».

La Settimana Santa nel comune dell’entroterra ionico si è aperta con la Messa in Coena Domini: i confratelli, scalzi, hanno portato “u’ prdon” tra le mani (il tradizionale bastone del pellegrino) e la corona di spine di melograno sul capo. Il loro incedere è stato scandito dal suono della battola (conosciuta come trich trach). A coppie, hanno formato le “paranze” e, accompagnati da un troccolante, hanno iniziato il loro lento pellegrinaggio nelle chiese del paese, dinnanzi ai Repositori e alla gente in preghiera.

Ora, si attende il sabato che, indubbiamente, rappresenta il culmine della partecipazione popolare, sia di fedeli che di pellegrini, in arrivo anche dai comuni limitrofi.

Sabato Santo: A Mottola processione all’alba

Il pio corteo si muoverà all’alba dalla Chiesa del Carmine e terminerà il suo percorso dopo mezzogiorno, coinvolgendo adulti e bambini e attraversando il paese. Le statue saranno portate a spalla dai confratelli e alternate alle paranze. Tra le marce che sarà possibile ascoltare attraverso le bande, quella simbolica per la Confraternita del Carmine è “Tomba che chiudi in Seno”.

Altre sono di composizione tipicamente ionica come “Mamma”, “A Gravame”, “Grido di dolore” o meridionale come “Jone” e “Una Lacrima sulla tomba di mia madre”. Il rito sarà aperto dai bandisti, a seguire un confratello con la trich trach, lo stendardo della Confraternita listato a lutto e la Croce dei Misteri. Poi le statue: Cristo nell’orto degli ulivi, Cristo alla colonna, Cristo incoronato di spine, la Caduta, la Serafina col volto di Gesù, la Veronica con la tunica, Cristo alla croce, la Deposizione, la Pietà, il Calvario. Sfileranno anche le consorelle, scalze e incappucciate, il Consiglio della Confraternita e i Carabinieri in Alta Uniforme. La Bara di Gesù Morto e dell’Addolorata (con ricami in oro) saranno accompagnate da consorelle vestite a lutto. Durante il percorso, le statue sosteranno all’interno delle chiese cittadine per qualche minuto.

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Tre auto in fiamme la scorsa notte a Torricella. Indagano i carabinieri

Tre auto in fiamme la scorsa notte a Torricella. Indagano i carabinieri

Tre auto incediate la scorsa notte nella vicina Torricella. L’allarme è scattato poco dopo l’una …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.