sabato 05 Dicembre, 2020 - 2:43:40

A Sava l’ANMIL premia il “Vino Particulare” fatto in casa nei palmenti

 L’ANMIL di Sava porterà il “Vino particulare anche a Calici di Stelle”

animilSAVA – Nell’epoca in cui i processi produttivi industriali dominano la vinificazione moderna, in cui gli agricoltori conferiscono l’uva alle cantine sociali o private, c’è ancora chi invece produce il vino “come si faceva una volta”, ovvero “in casa” con il palmento, il luogo simbolo in una antica cultura contadina delle nostre terre, dove viene pigiata l’uva per produrre il mosto.

Si tratta dei vignaioli che producono il vino secondo l’antica tradizione, non grandi quantità ovviamente, una piccola produzione per lo più riservata alla propria famiglia e agli amici.
Nel versante orientale della provincia jonica, e non solo, quello “fatto in casa” è quasi sempre un vino corposo e generoso, un rosso di forte gradazione alcolica, il classico “lu mieru”, insomma un vino particolare che non si trova in nessuna enoteca del mondo!
Per mantenere viva questa antica tradizione e valorizzare il lavoro di questi produttori vinicoli artigianali, anche quest’anno la Sezione di Sava dell’ANMIL (Associazione Nazionale fra Lavoratori Mutilati e Invalidi sul Lavoro), con sede in via Roma n.79, organizza la VI° Edizione del Premio “Vino Particulare” riservato al Rosso Primitivo di Sava prodotto dai vignaioli savesi indipendenti.
La manifestazione, aperta al pubblico, si terrà domani, giovedì 7 agosto, alle ore 19.00 presso il locale “Dejà Vu”, in via Vittorio Emanuele n.127 a Sava.

Giovanni Destratis
Giovanni Destratis

Giovanni Destratis, consigliere regionale ANMIL di Sava, spiega che «quest’anno venti produttori savesi hanno accolto il nostro invito iscrivendo i loro vini a questa particolare competizione che, nel corso della serata, vedrà all’opera una commissione composta da esperti che rappresentano diverse categorie: commercianti, ristoratori e professionisti».
«Saranno loro – continua Giovanni Destratis – a selezionale i vini degustandone i campioni rigorosamente anonimi, la correttezza dell’operazione sarà garantita da una persona che fungerà da “notaio”, mentre gli aspetti “tecnici” saranno coordinati in sala da un esperto enologo professionista».
Orazio De Santis, responsabile ANMIL di Sava e consigliere provinciale ANMIL, ha poi annunciato che «anche quest’anno l’ANIML di Sava curerà poi la presenza dei vini che hanno partecipato al nostro Premio “Vino Particulare” anche a Calici di Stelle, la splendida manifestazione che il Comune di Sava organizzerà, nella serata del 10 agosto prossimo, nelle centralissime Piazza San Giovanni e Piazza Spagnolo Palma a Sava».

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Lo sfogo: questa è la parte (poco umana) di Maruggio che non mi piace

Cari amici, a Maruggio è sempre festa! Nonostante la pesante cappa che sta sulla nostra …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.