giovedì 20 Gennaio, 2022 - 21:10:55

Fortezze e Castelli di Puglia: Il Castello di Monopoli

Fortezze e Castelli di Puglia: Il Castello di Monopoli

 

Fu l’Imperatore Carlo V ad ordinare la costruzione del Castello di Monopoli, nell’ambito della strategia di difesa delle coste del Regno, continuamente minacciate dalle scorribande piratesche turche ma anche come protezione delle mire veneziane, poiché nel 1528 le armate della Serenissima avevano assediato e preso la città. Come luogo fu scelta Punta Pinna, un piccolo promontorio avanzato sul mare e come nucleo della fortezza furono utilizzate la Chiesa rupestre di San Nicola in Pinna, risalente al X secolo, ed una porta di epoca romana rinforzata da due corpi di guardia ai lati, costruita sulle antiche mura di cinta di origine peuceta. I lavori, affidati alla direzione del Viceré Don Pedro de Toledo, secondo alcuni storici, o del Marchese Don Ferrante Loffredo che risiedeva in Lecce, secondo altri, ebbero termine nel 1552.

Nel XVII secolo il castello subisce alcune modifiche e ristrutturazioni che ne modificano l’assetto per adattarlo alla funzione di dimora residenziale ed in effetti è stato sede della più alta autorità militare cittadina sino alla metà del XIX secolo, quando venne adibito a carcere mandamentale, funzione che ha poi mantenuto sino agli anni ’60 del XX secolo. Dopo alcuni anni di abbandono, negli anni ’90 sono stati effettuati dei lavori di restauro e di consolidamento ed oggi il castello viene utilizzato per manifestazioni ed eventi culturali.

La fortezza ha una pianta pentagonale, caratteristica delle fortezze rinascimentali, con agli angoli dei bastioni. L’originale ponte levatoio doveva probabilmente collocarsi nei pressi della torre cilindrica sul versante sudoccidentale, alla cui sinistra è possibile osservare un tratto delle antiche mura. Particolarmente interessante è la sala d’armi munita di quattro cannoniere a pelo d’acqua per il tiro radente, due in direzione del mare e due verso il porto, che ospitano altrettanti obici da 1.400 kg a canna liscia di fattura napoletana, risalenti al XIX secolo.

La struttura ingloba al suo interno la chiesa rupestre di San Nicola da Pinna di notevole interesse storico ed artistico.

Cosimo Enrico Marseglia

In collaborazione con corrieresalentino.it

Facebook Comments Box

Notizie su Cosimo Enrico Marseglia

Nato a Lecce, città in cui vive. Ha frequentato i corsi regolari dell’Accademia Militare dell’Esercito Italiano in Modena e della Scuola di Applicazione dell’Arma TRAMAT presso la cittadella militare Cecchignola in Roma, ed ha prestato servizio come ufficiale dell’Esercito presso il 3° Battaglione Logistico di Manovra in Milano, il Distretto Militare di Lecce ed il Battaglione Logistico della Brigata Pinerolo in Bari. Dopo otto anni in servizio permanente effettivo, ha lasciato la carriera militare, dedicandosi alla musica jazz ed al teatro. Attualmente collabora con il Dipartimento di Studi Storici dell’Università del Salento, come esperto di Storia Militare, e dal 2009 è ufficiale commissario del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana. Scrive per L’Autiere, organo ufficiale dell’ANAI (Associazione Nazionale Autieri d’Italia), Sallentina Tellus (Rivista dell’Ordine del Santo Sepolcro), per L’Idomeneo (Rivista dell’Associazione di Storia Patria) e per altre testate. Ha già pubblicato Les Enfants de la Patrie. La Rivoluzione Francese ed il Primo Impero vissuti sui campi di battaglia (2007), Il Flagello Militare. L’Arte della Guerra in Giovan Battista Martena, artigliere del XVII secolo (2009), Battaglie e fatti d’arme in Puglia. La regione come teatro di scontro dall’antichità all’età contemporanea (2011), Devoto ad Ippocrate. Rodolfo Foscarini ufficiale medico C.R.I. fra ricerca e grande guerra (2015), Marseglia. Storia di una famiglia attraverso i secoli (2016) per la Edit Santoro, e Attacco a Maruggio. 13 giugno 1637. Cronaca di una giornata di pirateria turca nel contesto politico-sociale europeo (2010) per la Apulus, quest’ultimo insieme al Dott. Tonino Filomena

Leggi anche

Leonard Cohen e Dante. Alla ricerca di un amore in esilio. C'è sempre un viaggio inascoltato lungo gli argini del tempo che intreccia memorie

Leonard Cohen e Dante. Alla ricerca di un amore in esilio. C’è sempre un viaggio inascoltato lungo gli argini del tempo che intreccia memorie

Abitano il tempo e l’esilio della parola. La cognizione dell’esistere oltre il dolore. C’è sempre …