giovedì 12 Dicembre, 2019 - 7:59:58
Home > Cultura e Eventi > Cultura > Fortezze e Castelli di Puglia: Il Palazzo Baronale di Sava

Fortezze e Castelli di Puglia: Il Palazzo Baronale di Sava

Il Castello o Palazzo Baronale di Sava risale agli anni compresi fra il 1533 ed il 1575, costruito per volere del Barone Pompeo Prato, appartenente all’omonima famiglia di Lecce, sui resti di una preesistente struttura, probabilmente una masseria. All’epoca il feudo di Sava comprendeva i casali di Pasano e di Aliano. La struttura originaria non aveva il mastio e ed era circondata da una piccola cinta e da un fossato.

La famiglia Prato ebbe il feudo di Sava sino al 1630, quando insieme al castello venne ceduto alla Compagnia di Gesù che lo trasformò in convento. Verso la fine del XVIII secolo fu acquistato dal Marchese Giuseppe Sinno, insieme al feudo, che provvide a riadattarlo a dimora signorile. Infine, nel 1884 la struttura venne acquisita dal Comune che la adibì a Sede Municipale.

Il palazzo si presenta a pianta quadrangolare rettangolare, distribuito intorno ad una corte della stessa forma, e si sviluppa su due piani, quello superiore in dimensioni ridotte rispetto a quello inferiore ma che comunque ne rispetta la simmetria. I due livelli sono separati esternamente da un toro marcapiano e quello superiore è coronato in alto da una cornice aggettante sostenuta da archetti a beccatello.

Si accede alla struttura attraverso un portale ad arco a tutto sesto bugnato, dal quale si entra in un androne che permette l’ingresso al cortile. Gli ambienti al pianterreno sono ampi e con volte a botte mentre quelli al piano nobile si caratterizzano per la luminosità. Nelle fondamenta vi è un antico frantoio ipogeo visitabile, mentre sul versante posteriore vi è un interessante porticato ad archi a tutto sesto, forse un tempo adibito a chiostro dalla Compagnia di Gesù, che sino a prima dei restauri era utilizzato come mercato coperto.

Cosimo Enrico Marseglia

 

Commenta con Facebook

Notizie su Cosimo Enrico Marseglia

Cosimo Enrico Marseglia
Nato a Lecce, città in cui vive. Ha frequentato i corsi regolari dell’Accademia Militare dell’Esercito Italiano in Modena e della Scuola di Applicazione dell’Arma TRAMAT presso la cittadella militare Cecchignola in Roma, ed ha prestato servizio come ufficiale dell’Esercito presso il 3° Battaglione Logistico di Manovra in Milano, il Distretto Militare di Lecce ed il Battaglione Logistico della Brigata Pinerolo in Bari. Dopo otto anni in servizio permanente effettivo, ha lasciato la carriera militare, dedicandosi alla musica jazz ed al teatro. Attualmente collabora con il Dipartimento di Studi Storici dell’Università del Salento, come esperto di Storia Militare, e dal 2009 è ufficiale commissario del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana. Scrive per L’Autiere, organo ufficiale dell’ANAI (Associazione Nazionale Autieri d’Italia), Sallentina Tellus (Rivista dell’Ordine del Santo Sepolcro), per L’Idomeneo (Rivista dell’Associazione di Storia Patria) e per altre testate. Ha già pubblicato Les Enfants de la Patrie. La Rivoluzione Francese ed il Primo Impero vissuti sui campi di battaglia (2007), Il Flagello Militare. L’Arte della Guerra in Giovan Battista Martena, artigliere del XVII secolo (2009), Battaglie e fatti d’arme in Puglia. La regione come teatro di scontro dall’antichità all’età contemporanea (2011), Devoto ad Ippocrate. Rodolfo Foscarini ufficiale medico C.R.I. fra ricerca e grande guerra (2015), Marseglia. Storia di una famiglia attraverso i secoli (2016) per la Edit Santoro, e Attacco a Maruggio. 13 giugno 1637. Cronaca di una giornata di pirateria turca nel contesto politico-sociale europeo (2010) per la Apulus, quest’ultimo insieme al Dott. Tonino Filomena

Leggi anche

Ritorno a Sud: la gioia del presepe

Il giorno dell’Immacolata, a casa mia, facevamo il presepe. Era un rito domestico di edilizia …