lunedì 21 Ottobre, 2019 - 10:36:24
Home > Rubriche > A Tavola con La Voce > La frisella, il nostro tipico antipasto estivo

La frisella, il nostro tipico antipasto estivo

 
Arriva l’estate e sulla nostra tavola arriva la tradizionale frisella. Un antipasto fresco e genuino tipico della nostra Terra. Ora va di moda chiamarli comfort food, ma non è altro che quella pietanza squisita che mangiamo quando vogliamo stare bene, regalarci una coccola ed evocare piacevoli ricordi, spesso legati all’infanzia e alla tradizione di famiglia.

Come condire le friselle
Le friselle hanno una superficie porosa, ideale quindi per assorbire al meglio i condimenti. L’ingrediente più comune con il quale vengono condite te è senza ombra di dubbio il pomodoro meglio se “manduriano“, non mancano però le tantissime varianti, dettate soprattutto dal gusto personale di chi le consumerà.

Lavate e tagliate i pomodororo in piccoli pezzetti (a cubetti).
Mettete i pomodori tagliati in una piccola ciotola e conditeli con un po’ di olio extravergine di oliva, sale ed origano. Lasciateli riposare per circa 10 minuti.

Prima di condire la frisella è necessario bagnarle con dell’acqua fredda. Il quantitativo di acqua da utilizzare è soggettivo, basterà considerare però che più le friselle verranno bagnate e più saranno morbide, perdendo quindi la loro tipica croccantezza.

Condite la frisa ora con il condimento precedentemente preparato aggiungendoci del basilico fresco.

Le varianti sono tantissime, si può aggiungere la mozzarella, del tonno, capperi, peperoncino verde, olive. Basta stuzzicare al fantasia.

Buon appetito!

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Fiera Pessima: alcune osservazioni di Coldiretti, Legambiente e Popularia

Legambiente, Coldiretti e Popularia formulano alcune riflessioni sulla gestione della Fiera Pessima, e le inviano …