venerdì 15 Novembre, 2019 - 21:13:28
Home > Cultura e Eventi > Cultura > Fortezze e Castelli di Puglia: Il Castello di Acquarica del Capo

Fortezze e Castelli di Puglia: Il Castello di Acquarica del Capo

Il primo nucleo del Castello di Acquarica del Capo risale all’epoca normanna e venne eretto dalla famiglia Bonsecolo. La struttura originale aveva una pianta quadrangolare ed era formata da una cinta muraria rinforzata da un torrione. L’aspetto attuale, tuttavia, va attribuito al XV secolo, sotto la signoria di Giovanni Antonio Orsini del Balzo, Principe di Taranto, Duca di Bari, Conte di Lecce, Soleto, Matera e Signore di Altamura, che aggiunse Acquarica del Capo ai suoi già vasti domini nel 1432. La nuova struttura, a pianta quadrangolare, era munita di quattro torri angolari cilindriche di cui oggi ne resta solo una, il cui scopo consisteva nella difesa del maniero da eventuali gallerie minate che il nemico avrebbe potuto approntare per far crollare la cinta muraria.

Successivamente, nel 1476, il castello divenne proprietà della famiglia Guarini, che acquisì anche il feudo di Acquarica ed il cui blasone campeggia sulla facciata principale sopra il portale di ingresso. Dopo diversi passaggi di proprietà, durante i quali il maniero ha subito vari riadattamenti e modifiche, dai primi anni ’80 del XX secolo è divenuto proprietà dell’Amministrazione Comunale, che ha provveduto ad effettuare lavori di restauro e consolidamento.

La struttura, che si presenta imponente e massiccia, ha una pianta quadrangolare e si sviluppa su due piani. I locali al pianterreno erano adibiti a depositi, scuderie ed altri locali di servizio mentre il piano nobile era quello residenziale. Al piano terra i soffitti in legno sono stati sostituiti con altri più solidi in muratura con volte a botte, mentre gli ambienti residenziali medievali hanno il solaio ligneo rinforzato da archi in pietra. Inoltre nel castello sono ancora visibili i resti dell’antica Chiesa di San Francesco, in cui sono conservate alcune tombe signorili. La torre cilindrica rimasta è scarpata e presenta due tori marcapiano, uno che divide il primo livello dal secondo, l’altro che individua il basamento. La parte superiore, corrispondente al parapetto del terrazzo, è coronata con beccatelli.

Cosimo Enrico Marseglia

 

Commenta con Facebook

Notizie su Cosimo Enrico Marseglia

Cosimo Enrico Marseglia
Nato a Lecce, città in cui vive. Ha frequentato i corsi regolari dell’Accademia Militare dell’Esercito Italiano in Modena e della Scuola di Applicazione dell’Arma TRAMAT presso la cittadella militare Cecchignola in Roma, ed ha prestato servizio come ufficiale dell’Esercito presso il 3° Battaglione Logistico di Manovra in Milano, il Distretto Militare di Lecce ed il Battaglione Logistico della Brigata Pinerolo in Bari. Dopo otto anni in servizio permanente effettivo, ha lasciato la carriera militare, dedicandosi alla musica jazz ed al teatro. Attualmente collabora con il Dipartimento di Studi Storici dell’Università del Salento, come esperto di Storia Militare, e dal 2009 è ufficiale commissario del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana. Scrive per L’Autiere, organo ufficiale dell’ANAI (Associazione Nazionale Autieri d’Italia), Sallentina Tellus (Rivista dell’Ordine del Santo Sepolcro), per L’Idomeneo (Rivista dell’Associazione di Storia Patria) e per altre testate. Ha già pubblicato Les Enfants de la Patrie. La Rivoluzione Francese ed il Primo Impero vissuti sui campi di battaglia (2007), Il Flagello Militare. L’Arte della Guerra in Giovan Battista Martena, artigliere del XVII secolo (2009), Battaglie e fatti d’arme in Puglia. La regione come teatro di scontro dall’antichità all’età contemporanea (2011), Devoto ad Ippocrate. Rodolfo Foscarini ufficiale medico C.R.I. fra ricerca e grande guerra (2015), Marseglia. Storia di una famiglia attraverso i secoli (2016) per la Edit Santoro, e Attacco a Maruggio. 13 giugno 1637. Cronaca di una giornata di pirateria turca nel contesto politico-sociale europeo (2010) per la Apulus, quest’ultimo insieme al Dott. Tonino Filomena

Leggi anche

Il melograno: tradizione, mito, simbologia

  Nell’antichità il Melograno rappresentava l’immortalità, la fertilità, la forza della creazione e l’abbondanza; era …