giovedì 12 Dicembre, 2019 - 7:24:30
Home > Cultura e Eventi > Cultura > Fortezze e Castelli di Puglia: Il Palazzo Ducale di Taurisano

Fortezze e Castelli di Puglia: Il Palazzo Ducale di Taurisano

La prima struttura fortificata presente in Taurisano consisteva in un castello a recinto fortificato, risalente al XIII secolo, durante la dominazione angioina, voluto dai Signori del luogo appartenenti alla famiglia De Taurisano. Di tale struttura restano oggi un arco a tutto sesto in pietra leccese, ornato a motivi floreali ed animali, posto sul versante occidentale, ed una torre rinascimentale risalente alla metà del XVI secolo, eretta per volere della famiglia Gattinara – Lignani, all’epoca feudataria di Taurisano, con funzioni difensive da possibili attacchi pirateschi turchi provenienti dal mare. Questa si distingue per la presenza sui muri degli ultimi tre piani di piccole finestre con archi a sesto acuto ed il parapetto del terrazzo, sostenuto da mensole a beccatelli e terminante con una merlatura guelfa.

Sulle fondamenta del primo castello, nel XVIII secolo venne costruito l’attuale Palazzo Ducale in due successive riprese, precisamente nel 1733 e nel 1770. Il prospetto principale, che si affaccia su Piazza Castello, presenta una balconata centrale sorretta da mensole, ed alcuni portali ornati con bassorilievi di epoca tardo barocca a motivi floreali, una croce del Sovrano Ordine Militare dei Cavalieri di Malta, oltre ai blasoni di alcune famiglie che hanno avuto il feudo di Taurisano. Gli interni sono completamente affrescati.

Per volere degli eredi dell’ultimo proprietario, Alessandro Lopez y Royo, il palazzo venne donato alla Chiesa ed alla cittadinanza di Taurisano e pertanto dal 1957 l’ala sinistra è occupata dalla casa canonica, mentre la restante parte è sede degli uffici comunali.

Cosimo Enrico Marseglia

Commenta con Facebook

Notizie su Cosimo Enrico Marseglia

Cosimo Enrico Marseglia
Nato a Lecce, città in cui vive. Ha frequentato i corsi regolari dell’Accademia Militare dell’Esercito Italiano in Modena e della Scuola di Applicazione dell’Arma TRAMAT presso la cittadella militare Cecchignola in Roma, ed ha prestato servizio come ufficiale dell’Esercito presso il 3° Battaglione Logistico di Manovra in Milano, il Distretto Militare di Lecce ed il Battaglione Logistico della Brigata Pinerolo in Bari. Dopo otto anni in servizio permanente effettivo, ha lasciato la carriera militare, dedicandosi alla musica jazz ed al teatro. Attualmente collabora con il Dipartimento di Studi Storici dell’Università del Salento, come esperto di Storia Militare, e dal 2009 è ufficiale commissario del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana. Scrive per L’Autiere, organo ufficiale dell’ANAI (Associazione Nazionale Autieri d’Italia), Sallentina Tellus (Rivista dell’Ordine del Santo Sepolcro), per L’Idomeneo (Rivista dell’Associazione di Storia Patria) e per altre testate. Ha già pubblicato Les Enfants de la Patrie. La Rivoluzione Francese ed il Primo Impero vissuti sui campi di battaglia (2007), Il Flagello Militare. L’Arte della Guerra in Giovan Battista Martena, artigliere del XVII secolo (2009), Battaglie e fatti d’arme in Puglia. La regione come teatro di scontro dall’antichità all’età contemporanea (2011), Devoto ad Ippocrate. Rodolfo Foscarini ufficiale medico C.R.I. fra ricerca e grande guerra (2015), Marseglia. Storia di una famiglia attraverso i secoli (2016) per la Edit Santoro, e Attacco a Maruggio. 13 giugno 1637. Cronaca di una giornata di pirateria turca nel contesto politico-sociale europeo (2010) per la Apulus, quest’ultimo insieme al Dott. Tonino Filomena

Leggi anche

Ritorno a Sud: la gioia del presepe

Il giorno dell’Immacolata, a casa mia, facevamo il presepe. Era un rito domestico di edilizia …