domenica 20 Ottobre, 2019 - 0:07:29
Home > Cultura e Eventi > Cultura > La Piantaggine: usi e credenze popolari

La Piantaggine: usi e credenze popolari

 

N.B.: gli utilizzi della pianta descritti in questo articolo hanno unicamente valenza documentaria antropologico-folkloristica

La Piantaggine si ritrova facilmente allo stato spontaneo lungo viottoli di campagna, nei prati e nei terreni incolti.

Ha proprietà astringenti, depurative, diuretiche, cicatrizzanti, emollienti, espettoranti, oftalmiche.

Nella medicina popolare il decotto di Piantaggine seghettata (Plantago serraria) si utilizzava per le affezioni degli occhi, mentre la Piantaggine maggiore (Plantago major) veniva cotta e pestata per essere applicata su scottature e contusioni, e sulle emorroidi. Il decotto di Piantaggine era usato anche per curare la dissenteria e le ferite da morsi di animali.

Altri utilizzi del decotto sono riportati come cura delle emicranie, per arrestare flussi sanguigni troppo abbondanti, e per contrastare le infiammazioni agli organi genitali maschili.

Plantago serraria

L’infuso di foglie era utilizzato contro la diarrea e per dare sollievo in caso di tracheite, bronchite, infiammazioni a gola e mucose orali. Inoltre si utilizzava per sciacqui contro i mal di denti.

Come regolatore dell’intestino e decongestionatore di bronchi e intestino infiammati, venivano utilizzati i semi.

Decotti e cataplasmi venivano applicati per uso esterno su ferite, ustioni, acne, punture di insetti, herpes, emorroidi.

Il succo delle foglie fresche ha goduto di impieghi come collirio.

Alcuni nomi dialettali della piantaggine: lengua de cane, lengua de pecura, recchie te monacu, recchie te lebbra, centunèrvi, cinquenièrvi, pentinèrva, centèrba.

La somiglianza con la forma dell’orecchio o della lingua ha suggerito i nomi dialettali e volgari in uso per questa pianta.

Plantago lanceolata

Un ricettario magico la descriveva come una pianta in grado di influire sui cani, per via della sua somiglianza con la lingua del cane (le stesse virtù erano attribuite al Cynoglossum in quanto entrambe le piante vengono chiamate Lingua di cane). Si credeva, a seconda degli impieghi, delle composizioni e delle varianti, che avesse il potere di attirare i cani, o di renderli muti, o di immobilizzarli.

Si credeva inoltre che portare addosso una radice di Piantaggine aiutasse a fortificare la memoria.

Una leggenda vuole che questa pianta sia nata da un essere umano: furono gli dei, a trasformare in piantaggine una fanciulla che per lungo tempo aspettò il ritorno del suo amato, “piantata” sul bordo di una strada.

Per gli antichi anglosassoni la piantaggine era erba sacra e rimedio universale.

Plantago major

 

Plantago lanceolata

Gianfranco Mele

BIBLIOGRAFIA

Domenico Nardone, Nunzia Maria Ditonno, Santina Lamusta Fave e favelle, le piante della Puglia peninsulare nelle voci dialettali in uso e di tradizione, Centro di Studi Salentini, Lecce, 2012

Salvatore Pezzella, Magia delle erbe, vol. 1°, Edizioni Mediterranee, Roma, 1989

Giulia Tedeschi, Ulrike Raiser Il giardino dei semplici. Erbe, tisane e pratiche curative, Edizioni del Baldo, Verona, 2016

 

Commenta con Facebook

Notizie su Gianfranco Mele

Gianfranco Mele
Sociologo, studioso di tradizioni popolari, etnografia e storia locale, si è occupato anche di tematiche sociali, ambiente, biodiversità. Ha pubblicato ricerche, articoli e saggi su riviste a carattere scientifico e divulgativo, quotidiani, periodici, libri, testate online. Sono apparsi suoi contributi nella collana Salute e Società edita da Franco Angeli, sulla rivista Il Delfino e la Mezzaluna e sul portale della Fondazione Terra d'Otranto, sulla rivista Altrove edita da S:I.S.S.C., sulle riviste telematiche Psychomedia, Cultura Salentina, sul Bollettino per le Farmacodipendenze e l' Alcolismo edito da Ministero della Salute – U.N.I.C.R.I., sulla rivista Terre del Primitivo, su vari organi di stampa, blog e siti web. Ha collaborato ad attività, studi, convegni e ricerche con S.I.S.S.C. - Società Italiana per lo Studio sugli Stati di Coscienza, Gruppo S.I.M.S. (Studio e Intervento Malattie Sociali), e vari altri enti, società scientifiche, gruppi di studio ed associazioni.

Leggi anche

Necrologio – Gli amici sono vicini al dolore che ha colpito Annalisa Vacca per la perdita della cara mamma

Tutte le parole del mondo non potrebbero colmare il vuoto che hai ora nel petto, …